La Struttura

Nel cuore di Firenze, vicino ai grandi monumenti della città quanto basta per raggiungerli comodamente a piedi, nella suggestiva e riposante bellezza di un antico monastero, il Conservatorio S. Maria degli Angeli, tradizionale soluzione per soggiorni di studio a Firenze, si propone anche quale residenza per vacanze.

L’antica concezione architettonica del Conservatorio Santa Maria degli Angeli, offre non soltanto bellezza ed armonia di spazi e di volumi, ma anche grande ed accogliente vivibilità.

L’arte è protagonista al Conservatorio S. Maria degli Angeli: il cenacolo che adorna la sala da pranzo, è un grande affresco di Matteo Rosselli, ma altre opere di grande rilievo sono presenti e visibili nelle sale e nelle gallerie, prima fra tutte il prezioso bronzetto del Giambologna raffigurante S. Giovanni Battista.

Il Conservatorio S.Maria degli Angeli ha origini antichissime. Nel 1505 sei donne fiorentine comprarono da un lanaiolo, certo Dionisio di Clemente, una casa posta in via Laura di Pinti per dedicarsi a pratiche religiose e di carità. Successivamente, aumentate di numero, trasformarono la loro casa in un monastero di clausura cui dettero il nome di S. Maria degli Angeli, assumendo la regola dell’Ordine Domenicano. Nel 1785 il Pietro Leopoldo d’Asburgo Lorena, Granduca di Toscana, trasformò il monastero in Regio Conservatorio e da allora vennero accolte in convitto “fanciulle di distinte famiglie”, che ricevevano educazione e istruzione dalle Suore successivamente affiancate da personale laico. Dopo la soppressione dei Conservatori nel 1808, S. Maria degli Angeli è rimasto uno dei pochi del territorio toscano. Il Conservatorio continua la sua opera educativa nell’istituzione scolastica paritaria situata negli ampi spazi di via Laura, acquistati dalle monache nel 1514, accogliendo alunni della Scuola dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di I° grado e di II° grado. I locali del monastero, posto in via della Colonna, ospitano studenti universitarie e turisti che possono godere, oltre che delle bellezze artistiche e della quiete del verde chiostro, di una attenta e cordiale accoglienza.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi